Documento senza titolo
           

  • Clima

29-11-2015, 18:26

Winter Forecast 2015-2016

Previsioni Stagionali per l’Inverno 2015-2016

PREMESSA
Grazie ad un approfondito lavoro di ricerca autonomo ReggioEmiliaMeteo dispone di uno strumento per la previsione delle condizioni meteo-climatiche medie su scala trimestrale (dicembre-gennaio-febbraio).
Principale caratteristica della previsione è la sua elevata definizione spaziale, con anomalie di temperature e precipitazioni calcolate su una griglia di 0.25°x0.25° (circa 25 km x 25 km).

Per quanto riguarda la sua affidabilità, nel 42% dei casi il trimestre invernale risulta previsto in modo corretto, a livello qualitativo, su tutto il campo di analisi (30-75N, 30W-40E). Nel 37% dei casi l’inverno è previsto correttamente sul 67% del campo d’analisi. Solo nel 21% dei casi la previsione risulta completamente errata.

Prima di procedere all’illustrazione dei risultati, si sottolinea che le presenti indicazioni stagionali sono prodotte al solo fine di ricerca e che, dai vari centri di studio nazionali e internazionali (CFS/NCEPMetOfficeIRILAMMA e molti altri), vengono emesse altrettante previsioni, differenti nella metodologia di realizzazione e quasi sempre anche nei risultati.


PREVISIONE INVERNO 2015-2016 - SINTESI NORD ITALIA:
Secondo la nostra proiezione l’inverno 2015-2016 (trimestre dicembre-gennaio-febbraio) dovrebbe scostarsi di poco dalla media, risultando un po' più caldo e leggermente più piovoso.
In via del tutto sperimentale (attenzione: per quanto scritto di seguito in questo paragrafo - ripreso e approfondito nella parte terminale dell'articolo - non esiste una casistica che ci consenta di determinare un livello di affidabilità), sulla base di considerazioni legate alle dinamiche stratosferiche, riteniamo possibile che l'inverno presenti due differenti fasi.
Nella prima metà potrebbe risultare caratterizzato da tempo prevalentemente stabile, con temperature oltre la media (specie in quota) e scarse precipitazioni.
Nella seconda parte le temperature dovrebbero invece essere prossime alla media sulla pianura e inferiori alla stessa sui rilievi, con precipitazioni quasi ovunque oltre la norma.
Se la previsione risulterà corretta, sarà in questa seconda parte dell'inverno che si avranno le maggiori probabilità di nevicate anche sulla nostra provincia.


PREVISIONE INVERNO 2015-2016 - MAPPE E ANALISI PREVISIONALE COMPLETA:

Pressione e temperatura in quota (media di riferimento 1981-2010)

anomalia di altezza geopotenziale
a 500hPa (5500 mslm circa)
anomalia di pressione
a livello del mare
anomalia di temperatura
a 850hPa (1450 mslm circa)

Si prevede un inverno caratterizzato da pressione sotto la media su Atlantico e, in minor misura, sul Mediterraneo centro-occidentale. Più frequenti della norma dovrebbero invece risultare le aree anticicloniche sulla Scandinavia e alle latitudini polari.
Se tale proiezione sarà confermata, le correnti più fredde scorreranno prevalentemente sull’Europa settentrionale, mentre il Mediterraneo sarà frequentemente interessato da più miti flussi sud-occidentali.
A livello di indici climatici tale configurazione è associabile ad Arctic Oscillation  negativa (-0.60), East Atlantic positiva (+0.71), Scand positiva (+0.37).

Ricordiamo che la previsione riguarda la media sull’intero trimestre e che quindi potranno manifestarsi, anche qualora essa risulti corretta, fasi di tipologia differente o addirittura opposta, che tuttavia non risulterebbero prevalenti. Ad esempio la fase negativa dell’Arctic Oscillation potrebbe innescare irruzioni di aria artica anche sul Mediterraneo, mentre la fase positiva dello Scand potrebbe favorire infiltrazioni di aria fredda di origine continentale verso la Pianura Padana.


Temperature (anomalie rispetto alla media 1981-2010):

anomalia termica - Europa anomalia termica - Italia

Temperature sotto la media sull’Europa settentrionale, superiori alla norma sulle restanti regioni. Anomalie termiche positive sono attese su gran parte d’Italia, con l’eccezione del settore Alpino.


Precipitazioni 
(anomalie rispetto alla media 1981-2010, in percentuale):

anomalia pluviometrica - Europa anomalia pluviometrica - Italia

Si prevedono precipitazioni prossime alla norma su gran parte d’Europa, Italia compresa.


ATTENZIONE: la previsione stagionale per l'inverno 2015-2016, a cui si riferisce il livello di affidabilità riportato nella "PREMESSA", è illustrata sopra; per quanto segue non esiste una casistica che ci consenta di determinare un livello di affidabilità.


CONSIDERAZIONI SU BASE STRATOSFERICA, LE POSSIBILI DUE FASI DELL'INVERNO:

Attualmente il vortice polare (VP) risulta forte a tutte le quote stratosferiche. L'indice che sostanzialmente ne misura l'intensità, ossia l'anomalia di altezza geopotenziale a 10 hPa, nei prossimi giorni raggiungerà e supererà il valore di soglia (-1.5, corrispondente al +1.5 del Northern Annular Mode). 

Anomalia di geopotenziale a 10 hPa sopra il Polo Nord (65-90°N):
nei prossimi giorni atteso il superamento del valore di soglia (-1.5)


Il superamento di tale soglia dovrebbe comportare il prevalere della fase positiva dell'Arctic Oscillation (AO), pur con eventi anche di segno opposto, per tutto il mese di dicembre 2015 e per la prima parte di gennaio 2016 (secondo lo schema individuato da Baldwin-Dunkerton 2001):

Conclusa questa prima parte d'inverno, in virtù di quanto previsto dal nostro modello per l'intero trimestre dicembre-gennaio-febbraio, riteniamo probabile il manifestarsi degli effetti di un evento di tipologia opposta.

Forzando il modello sulla base di queste considerazioni, siamo giunti a definire due possibili fasi dell'inverno.

FASE Adicembre e prima parte di gennaio:

anomalia di pressione anomalia termica anomalia pluviometrica

Prima parte dell'inverno caratterizzata dalla frequente presenza di aree anticicloniche sull'Europa centro-meridionale. Le temperature si prevedono oltre la media su gran parte del continente, con la sola esclusione del settore sud-orientale. Le precipitazioni, prossime alla norma sull'Europa centro-settentrionale, dovrebbero risultare inferiori alla stessa in area mediterranea.

Fase Bseconda metà di gennaio e febbraio:

anomalia di pressione  anomalia termica  anomalia pluviometrica

Per la seconda parte dell'inverno si prevede una maggiore presenza di anticicloni alle alte latitudini, mentre le perturbazioni dovrebbero interessare con più frequenza il Mediterraneo centro-occidentale. Come conseguenza, da un lato le temperature dovrebbero risultare inferiori alla media sull'Europa centro-settentrionali e sul settore alpino, dall'altro le precipitazioni si faranno più copiose in area mediterranea.


Autore: Dr. Andrea Bertolini
 


Novanta scs
Via Pieve, 5
42035 Castelnovo ne' Monti (RE)
P.IVA: 01422880359
 
PREVISIONI
 
WEBCAM
 
STAZIONI
 
MODELLI
 
CLIMA
 
NEWS
 
APP & WIDGET
 
CHI SIAMO
 
© 2012 - Reggio Emilia Meteo | Web Design by Matrix Media srl