Documento senza titolo
       

  • Meteo

15-02-2013, 18:21

Nuovi scenari invernali

Correnti fredde e secche prima, apertura della porta atlantica poi

La neve è arrivata puntuale, con accumuli freschi tra 40 e 50cm sul medio-alto Appennino, inferiori ma comunque consistenti in pianura. La sua permanenza al suolo, specie in quota, è stata e sarà aiutata delle dinamiche atmosferiche, che per l’immediato futuro regaleranno temperature dal sapore ancora invernale.

Nel frattempo, si contano già 34 giorni consecutivi con presenza di neve al suolo sulle aree pianeggianti a 500m di quota, ed è lecito – stante la tendenza che andremo a delineare – aspettarsi che si arrivi almeno a 40. Una permanenza della neve al suolo così prolungata era pressoché impensabile durante gli ormai lontani inverni degli anni ’90.

Immagine satellitare di giovedì 14 febbraio, ore 13.10: la pianura padana e l'Appennino innevati (dati http://lance-modis.eosdis.nasa.gov/ - rielaborazione ReggioEmiliaMeteo)

Se ci proiettiamo nell’immediato futuro, il nord Italia, ivi compresa la provincia di Reggio Emilia, si trova sotto l’influenza di correnti orientali, che fino a lunedì garantiranno un progressivo calo delle temperature. Il cielo si presenterà spesso variabile: generalmente più soleggiato in Appennino, mentre in pianura saranno maggiori le possibilità di locali e temporanei addensamenti, accompagnati da foschie nelle ore notturne.

Domenica 17, ore 06 UTC: l'azione del profondo minimo (B) a sud della Groenlandia e le fredde correnti orientali (dati GFS - rielaborazione ReggioEmiliaMeteo)

Fino a martedì 19 non sono tuttavia previste precipitazioni; ma un cambio di passo si profila per la metà della settimana entrante. Ad un robusto anticiclone scandinavo si andrà a contrapporre una vasta area depressionaria sul Nord Atlantico. L’Europa centro-meridionale sarà quindi terreno di scontro tra aria artica continentale in scorrimento lungo i bordi orientale e meridionale dell'alta pressione, e più miti ed umide correnti atlantiche. Potranno quindi susseguirsi vari impulsi perturbati, capaci di portare maltempo più o meno marcato sull’area di nostro interesse.

Giovedì 21 febbraio, ore 00 UTC: l'impianto europeo e, in evidenza, l'interazione fra correnti umide atlantiche e aria fredda orientale (dati ECMWF - rielaborazione ReggioEmiliaMeteo)

Un primo peggioramento è ad ora individuabile fra mercoledì e giovedì venturi, con possibile neve fino a bassa quota.

Saremo naturalmente più precisi nella nostra tendenza e nelle previsioni a 3 giorni; segnaliamo comunque fin d’ora movimenti atmosferici significativi per l’ultimo fine settimana di febbraio.


Autore: A.Occhipinti, A.Bertolini
 
Novanta scs
Via Pieve, 5
42035 Castelnovo ne' Monti (RE)
P.IVA: 01422880359
 
PREVISIONI
 
WEBCAM
 
STAZIONI
 
MODELLI
 
CLIMA
 
NEWS
 
APP & WIDGET
 
CHI SIAMO
 
© 2012 - Reggio Emilia Meteo | Web Design by Matrix Media srl